lunedì, giugno 25, 2007

I treni italiani

Buona giornata a tutti!
Sono finalmente riuscita a tornare dal quel grande buco nero chiamato periodo d'esami. Temo che la mia libertò sarà di bravissima durata, ma fino che ci sono mi godo la pausa.
Stamani, tornando a Parma, ho sentito una notizia alla radio dell'autobus che sostituisce un tratto della linea ferroviaria che uso per tornare a casa, interrotta da qualche anno.
ROMA (Reuters) - Un gruppo di circa 200 viaggiatori sta occupando dall'alba di oggi i binari nella stazione di Roma Tiburtina, bloccando la circolazione dei treni e causando pesanti disagi al traffico ferroviario.
Lo hanno riferito oggi le Ferrovie dello Stato, aggiungendo che il blocco alla stazione alle porte della capitale è stato messo in atto stamani alle 4,25 circa da un gruppo di persone che viaggiava senza biglietto, a bordo dell'Espresso 830 diretto da Salerno a Milano, un treno composto da 13 carrozze e che trasportava un migliaio di persone.
"Sono persone che non hanno fatto il biglietto e che all'arrivo del controllore non hanno voluto pagare regolarizzando il biglietto", ha spiegato un funzionario delle Ferrovie dello Stato, aggiungendo che è in corso una trattativa coi manifestanti per far passare alcuni treni nella stazione romana.
"Si tratta di lavoratori campani che ogni settimana di dirigono al Nord per lavorare", ha spiegato il funzionario facendo riferimento al gruppo che ha bloccato la stazione.
Secondo quanto riferito da Ferrovie dello Stato, il blocco ha costretto la compagnia a cancellare molti dei treni diretti a Nord o a deviare il loro percorso verso Pisa provocando ritardi anche di tre ore."L'occupazione sta causando gravi ritardi ai treni a lunga percorrenza ed a quelli Metropolitani.
Il collegamento tra Roma e l'aeroporto di Fiumicino è assicurato dal Leonardo Express dalla stazione Termini, e da Roma Ostiense per quel che riguarda la linea metropolitana FR1", precisano Fs in una nota.
Le Ferrovie dello Stato -- si legge ancora nella nota -- stanno effettuando deviazioni di treni per limitare i disagi, annunci ed avvisi sono stati diramati nelle stazioni ed a bordo treno ed è stata prestata assistenza alla clientela coinvolta.
Ascoltavo questa notizia mi sono chiesta cosa può aver spinto a una protesta del genere questi viaggiatori.
Ammetto senza problemi che le ferrovie italiane hanno grossi problemi, giganteschi oserei dire. Per quattro anni sono stata una pendolare e quando viaggio in Italia uso quasi sempre il treno, so bene di che cosa parlo. Ci sono giorni che le Fs hanno il potere di renderti la vita semplicemente impossibile.
Non credo, però, che quei poveri viaggiatori paganti che si trovavano a Roma Tiburtina questa mattina si siano meritati tutto quel che è successo.
Protestare per un disservizio è giusto, ma rovinare la giornata ad altri non mi sembra altrettanto corretto.
Poi, a ben vedere, se avessi deciso di non pagare il biglietto ogni volta che il servizio non lo meritava credo che da me (come da altre moltissime persone) le fs avrebbero ricevuto ben poco.
Però, in questo momento, mi sta sorgendo un dubbio: non è che sono io il problema perchè continuo a pagare il biglietto?? Se è così ditemelo, sono ancora in tempo per cambiare.

14 commenti:

netstar ha detto...

purtroppo i disservizi ci sono, e sono anche numerosi... ogni tanto una protesta vibrante come questa però fa muovere un po' le acque!

Morgan ha detto...

Sempre la solita Italia, grossolanità e chiacchiere.

Tomas ha detto...

Io sono sempre stato contrario agli scioperi che vanno contro altri cittadini...
Bloccare le fabbriche è un conto...
Anche se pure in quel caso, qualcuno che aveva ordinato un prodotto si vede magari arrivare lo stesso in ritardo....
Ma è diverso quando si parla di servizi così diretti....
Bisognerebbe trovare qualche tipo di protesta diverso....

Mario ha detto...

I mezzi pubblici in Italia non sono mai stati un granché...
Ieri sono tornato da Londra dove lì funziona meglio la metropolitana..è vero, costa ma almeno funziona.
Non credo che con gli scioperi riscolveranno le cose...sono stato sempre contrario a queste cose. Creano sempre disagio e pochi risultati.
Comunque ben tornata! :-)

Miss Dickinson ha detto...

I disservizi sono innegabili, ma anche secondo me è controproducente sacrificare principalmente altri disgraziati costretti a subire ritardi e disagi assurdi.
Forse saranno riusciti a smuovere qualcosa, ma l'idea di non pagare il biglietto forse non è stata un'idea così tanto azzeccata.
Bentornata Gala, felice di rileggerti!

Anathea ha detto...

Ciao cara,
potevo forse non dire la mia in argomento? Io la penso proprio come te: sono sempre stata ligia alla "legge", con il mio bel biglietto obliterato. Le rimostranze sono sempre state fatte nei dovuti termini, i rimborsi richiesti e, udite udite, dopo un annetto pure rimborsati. Quindi, non posso fare altro che sperare che la via delle Fs sia in lento miglioramento. Sotto parecchi punti di vista, a cominciare dai cessi più puliti (e non dite che è poco!)

Buona serata, Ale!
Anathea

La Paranoica ha detto...

Ehm... sei di Parma..?
Io sì ^^

Buonanotte, Sara

la bolla ha detto...

io, come te, sono una fedelissima sia di trenitalia, sia delle rete di autobus cittadina. Io mi considero una miracolata di trenitalia, perchè in tanti anni, io e il mio fedele ed obliterato biglietto, non abbiamo mai avuto grossi problemi..a parte qualcuno, ovvio, ma non è la regola!

bacini

Gala ha detto...

Grazie a tutti per il commento!!!!Ho capito che dovrò continuare a pgare il mio bel biglietto...
Ho finalmente capito cosa ha portato la protesta. Sostanzialmente, fino a due/tre anni fa, esisteva una convenzione fra la regione campania e le fs per far pagare ai pendolari a lunga percorrenza un biglietto ridotto ( credo che a prezzo pieno sia sui 45 euro). Ma poi la convenzione non è stata rinnovata e siamo arrivati a questa situazione...pensarci prima, no??

kira ha detto...

si Gala, il problema era quello. Ma credo che se ci si sposta per le grandi città e per grandi tratte i problemi siano all'ordine del giorno. Non dico che non avrebbero dovuto dire la loro, ma sono d'accordo con te, in quel modo hanno solo creato ancora più disguidi!

Sara Sidle ha detto...

Scioperare e danneggiare gli altri passeggeri non è sicuramente producente, però mi rendo conto che richiedere educatamente di rispettare i servizi dovuti non serve a nulla e non si viene ascoltati.
Qual'è allora la via adatta per riuscire ad avere il giusto servizio per il prezzo pagato?
Non è un diritto sacrosanto?
Perchè si deve sempre arrivare a fare tutti questi casini?
Credo che il tuo sia il comportamento più giusto e civile, ma a volte la civiltà, purtroppo, non paga...;)
Bacioni

Robin ha detto...

Boh guarda, anche io ho avuto le mie esperienze con le FS, anche se fortunatamente per il pendolarismo quotidiano di solito uso il bus.
In ogni caso, quando sento di queste notizie, non so mai cosa pensare: se chi le riporta lo fa con sconcertante superficialità o se certa gente è semplicemente rimbecillita.
See ya!

simbax ha detto...

le fs italiane sono allo sbando più completo e invece di mandare via a calci gli irresponsabili lì licenziano dopo tanti anni di danni con immense liquidazioni che poi prentendono le debbano pagare i cittadini, con aumento dei biglietti e disservizi vari.

diciamo che le fs ti portano a una tale esasperazione che vuoi bloccare tutto, fregandotene completamente degli altri!

Gala ha detto...

Kira: più che altro, se avessi pagtato il bigliettto e fossi stata bloccata , non so che cosa avrei potuto fare!
sara: a volte questi non ascoltano proprio, hai ragione.
Robin: bella domanda, ma temo di non avere uno straccio di risposta da offrirti.
Simbax: su questo ti do ragione.