giovedì, novembre 30, 2006

Henri Cartier-Bresson a Milano


Leggete, amici naviganti, leggete la buona notizia. Fra tutti i fotografi che ho amato, Bresson è uno di quelli a cui sono più legata. Oggi apre a Milano una mostra in suo onore in cui verranno persino presentati alcuni inediti. Andateci, se potete...io sarò sicuramente già là (non devo dire chi è l'autore di questa fotografia, vero??).
Henri Cartier-Bresson in mostra a Milano, una retrospettiva dell'"occhio del secolo"
Lo hanno definito l'occhio del secolo. E per Henri Cartier-Bresson l'occhio era la sua inseparabile Leica, comprata giovanissimo dopo un'avventura in Costa D'Avorio e una breve militanza nella pittura nello studio del surrealista André Lhote. Da oggi Milano gli tributa un interessante omaggio con la mostra "Henri Cartier-Bresson: di chi si tratta?" (Forma, P.zza Tito Lucrezio Caro 1, per info: www.formafoto.it) che ospita 200 stampe contemporanee (tra cui alcuni inediti), 50 stampe vintage (originali d'epoca), documenti e disegni originali, film su di lui e altri realizzati da lui. E poi libri, monografie, storie, ricordi personali, foto di famiglia e oggetti d'arte collezionati dall'autore. Un modo per gettare nuova luce e nuovi contenuti su una vicenda personale e artistica emblematica del Novecento e per rispondere alla domanda: chi era veramente Henri Cartier-Bresson? Il patrimonio di immagini e di contenuti di Cartier-Bresson è enorme e la Fondazione che porta il suo nome, insieme a Magnum Photos, ha messo a punto questa grande mostra retrospettiva realizzata quando l'autore era ancora in vita e quindi sotto la sua diretta supervisione.
Ripercorrendo le tracce e le domande con cui Cartier-Bresson si è confrontato durante la sua esistenza, la mostra propone il ritratto di un uomo che è stato testimone privilegiato dei cambiamenti politici, economici e artistici del ventesimo secolo. Un viaggio attraverso il tempo del fotografo e della sua vita, rintracciando quel che il suo occhio ha catturato e quello che lo ha influenzato in un particolare momento quando, come affermava, si riesce a "mettere sulla stessa linea di mira il cuore, la mente e l'occhio"(tratto da Repubblica.it).

2 commenti:

Il Giomba ha detto...

Un baciotto per te

Anonimo ha detto...

Ciao Gala!
Dimenticavo di dirti che sono stata alla mostra di Bresson! Bella Bella Bella, oltre che gratuita. Tutte le stampe si trovano in una sola stanza, parete bianca di fondo e foto che "svettano". é splendido. Peccato duri tanto poco la mostra?!
Bello anche il bookshop ma eccessivamente caro (si parla di 33 € per la biografiaaaa!!!)

Baci baci
Anathea